Raccogliere i log da remoto con rsyslog, differenziarli in base all’IP e ruotarli con logrotate

Pubblicato il Pubblicato in #sysadmin

Le indicazioni di questo post sono state testate con delle antenne Ubiquity e sono valide per qualsiasi sistema che utilizzi ancora rsyslog e logrotate e qualsiasi hardware che sia in grado di spedire i propri log in remoto. Lo scenario è quello di un logserver Debian che riceve i syslog di access points e stations e li divide in base all’IP di provenienza.

Per prima cosa bisogna dire ad rsyslog di ascoltare su una porta UDP o TCP per poter ricevere i log, su /etc/rsyslog.conf decommentare le righe inerenti al protocollo che si desidera utilizzare: (altro…)

Moodle, opcache e le pagine bianche

Pubblicato il Pubblicato in #sysadmin

Mi è capitato di installare Moodle su ISPConfig e riscontrare spesso e volentieri delle pagine bianche nell’interfaccia di admin che lo rendevano davvero poco utilizzabile. Dopo un po’ di troubleshooting ed una ricerca sono riuscito a trovare il problema: opcache, parte di Zend. Conosco ancora poco moodle e non so il motivo esatto di questo comportamento nè quanto possa effettivamente giovarne in performances riuscendolo a farlo funzionare correttamente con opcache attivo… resta il fatto che disattivando opcache scompaiono le pagine bianche. (altro…)

Il reggichitarre per gli IKEA Hackers (2)

Pubblicato il Pubblicato in #lifehacking

Tempo fa avevo segnalato questo Gorm IKEA modificato a reggichitarre, nel frattempo avevo dimenticato di postare la mia implementazione, molto meno raffinata perchè mancano i vani dove appoggiare il manico e le guide in basso per il body ma tutto sommato un po’ più pratica perchè per realizzarla bisogna solamente smontare ulteriormente il Gorm e poi ci vanno anche le custodie, e spesso il problema di spazio è proprio per le custodie.

Ogni mensola ha tre tavole, basta smontare le prime due tavole con un cacciavite: la custodia appoggerà all’unica tavola all’altezza del manico senza sbattere contro il muro ed una tavola resta mobile a protezione per i gatti che si arrampicano (si incastra perfettamente). L’ultima tavola avanzata l’ho messa di lato, ma volendo si può incastrare da qualche altra parte.

image

L’idea di ridurre le emissioni di metano con “composti antirutto” per animali

Pubblicato il Pubblicato in #antropocene, #blog

Dopo aver letto di un’altra brillante idea in passato, ovvero quella di selezionare animali che “scorreggiano di meno” per far fronte all’inquinamento, quest’altra di far mangiare agli animali qualcosa che li faccia “ruttare di meno” non può affatto meravigliarmi. Eh si perchè si vede che in condizioni di produzione intensiva gli animali ruttano troppo metano ed è un problema, tuttosommato con un particolare composto aggiunto al mangime sono riusciti ad abbattere del 30% le emissioni. Mi sembra un ottimo risultato.

via | http://science.slashdot.org/story/15/08/01/2344253/want-to-fight-climate-change-stop-cows-from-burping

Andreste a vedere un ologramma in concerto?

Pubblicato il Pubblicato in #antropocene

Una ventina d’anni fa queste cose si vedevano solo nei film di fantascienza, nel frattempo le hanno inventate per davvero e messe a punto. Snoop Dogg ha già fatto una esibizione live con l’ologramma del defunto Tupac, che a fine pezzo si smolecola in particelle di energia che si dissolvono via.


Questo genere di ologrammi, quelli di gente che non c’è più, aprono un po’ di interrogativi più o meno etici di cui non voglio trattare… se questa tecnologia esiste -ed esiste- non verrà certamente utilizzata solo per i concerti.

Comunque ci sono anche aspetti più interessanti, tipo poter trasmettere un concerto contemporaneamente in più posti, solo che invece di un maxischermo ci sarebbero proprio gli ologrammi… secondo me un compromesso accettabile finchè vengono trasmessi ologrammi in diretta di qualcuno che sta suonando per davvero.

Se vi interessa l’argomento vi consiglio di leggere questo articolo:
Would You Go See a Hologram in Concert? — Cuepoint — Medium

 

Gli scienziati propongono una data per l’inizio dell’Antropocene

Pubblicato il Pubblicato in #antropocene

Qualche settimana fa ho aggiunto la categoria antropocene a questo blog per postare notizie o considerazioni riguardo la nostra era corrente, l’era geologica caratterizzata dalla presenza dell’uomo e del suo operato sulla terra. Non avevo ancora postato nulla in questa categoria ma oggi ho trovato questa notizia su slashdot:

Gli scienziati hanno proposto il 16 Luglio 1945 come inizio dell’era dell’Antropocene. E’ stato il giorno del primo test di detonazione nucleare. Sostengono che la “Grande Accelerazione” -il periodo in cui le attività umane hanno iniziato ad avere un impatto significativo sul pianeta Terra- sia un buon segno per indicare l’inizio di un’epoca. Da quel giorno c’è stato un significativo incremento della popolazione, dello sconvolgimento ambientale per i terreni e gli oceani e della connettività globale…